Attività di collaborazione. Importante unire le forze sul territorio. Aiutiamo a valorizzare il Senitero dei Mulini di Prata.

Crediamo fermamente che nelle piccole frazioni la collaborazione fra le realtà associative esistenti, i singoli abitanti e tutte le realtà economiche e lavorative che sono in campo nel territorio sia fondamentale per riuscire a portare all’attenzione l’importanza di valorizzare ogni aspetto del proprio luogo: natura, cultura, storia e tradizioni. Anche se la nostra è una piccola associazione e nata da poco tempo, ci stà molto a cuore portare avanti, fra le varie altre priorità, anche questo aspetto. E siamo felici di poterlo fare divulgando anche la conoscenza dell’asino che più che mai, in questi luoghi che nel passato erano strettamente legati alle attività rurali e all’economia mineraria, è stato protagonista in ogni aspetto della vita quitidiana insieme agli abitanti di un tempo.

Ecco perchè ci piace collaborare a molti degli eventi organizzati dalle altre associazioni del territorio, contenti di poter apportare il nostro piccolo contributo. Come quella che l’associazione “Per Prata tra Passato e futuro” mercoledì 11 luglio organizzerà a Prata (per chi fosse interessato a partecipare il ritrovo è per le ore 16,30 in Piazza Guerrazzi a Prata (GR): una passeggiata lungo il Sentiero dei Mulini.

Il Sentiero dei Mulini è un percorso che si snoda nella natura circostante il borgo di Prata che alcuni anni fa l’associazione “Per Prata tra Passato e Futuro” aveva riportato alla luce, permettendo così di poter raggiungere due degli antichi mulini ad acqua presenti a Prata che per alcune centinaia di anni avevano permesso alla popolazione del paese di poter lavorare la farina, sia di cereali che di castagne, utile al loro fabbisogno.
Purtroppo la scarsa frequentazione del percorso negli anni, ha fatto si che la vegetazione e il maltempo (nevicate e abbondanti piogge) rovinassero in gran parte il duro lavoro fatto. Quest’anno alcuni membri dell’associazione “Per prata tra passato e futuro” hanno ripristinato in parte il percorso e il prossimo mercoledì vuole riproporre la passeggiata per porre nuovamente all’attenzione della popolazione del luogo (e anche agli eventuali enti locali preposti) l’importanza che il percorso costituisce per la comunità di Prata, auspicandone la conseguente messa in opera di una sentieristica adeguata che possa dare la possibilità di frequentare il sito in maniera permanente.

Noi accompagneremo con i ns Aquilino e Nerino i presenti alla passeggiata fino ad una parte del percorso (purtroppo non tutto attualmente può essere effettuato dagli asinelli per questioni di spazio ristretto in alcuni passaggi). Per chi fosse interessato a partecipare è indispensabile indossare buone scarpe da trekking, pantaloni lunghi e portarsi acqua da bere ed eventuali repellenti per punture di insetti. Il sentiero è lungo circa 2,5 km ma nell’ultima parte, a causa della vegetazione esuberante che quest’anno sta crescendo nel sottobosco, la progressione in alcuni tratti si presenta abbastanza impegnativa.

E’ gradita una conferma di partecipazione tramite mail info@asiniaprata.it o cell 320 9626043.

In copertina riportiamo lo scatto del fotografo G. Dellavalle, effettuato durante una campagna di ricognizione dell’area carsica di Prata (cunicolo sotterraneo di canalizzazione delle acque del Mulino Inferiore), sotto una foto sempre di G. Dellavalle che ritrae una piccola cavità carsica denominata Buca della Vecchina (T/GR 2064 al Catasto delle Grotte naturali della Federazione Speleologica Toscana) ripresa sempre nella suddetta campagna di ricognizione.

Lo staff di Asini a Prata.

DSCN3927 vecchina